Radio24 | Il Sole 24 ORE

NoExpo. Ma seriamente: perché l’orologiaio?

Vabbè, sei contro il capitalismo, quindi hai deciso che mentre percorri il centro di Milano ti metti un passamontagna e con un megabarattolone di vernice sporchi le vetrine delle filiali di varie banche. Posto che non so chi tu sia, non ho ben chiaro come una roba tipo la Banca Popolare di Milano rappresenti il capitalismo finanziario globale che, nella tua idea, ci sta distruggendo. Diciamo che ti capirei di più se fossi un imprenditore  al quale viene rifiutato un fido in base alle regole di Basilea 2, quando gli basterebbero 50mila euro per tenere in piedi l’azienda. Immagino che tu non lo sia, ma passi.

Vabbè, come è organizzato il mercato del lavoro non ti piace e anzi rifiuti di chiamarlo “mercato”, quindi hai deciso che sempre mentre percorri il centro di Milano, sempre col tuo passamontagna e sempre col tuo megabarattolone di vernice sporchi le vetrine della Manpower. Non concordo, lo trovo un gesto stupido per tanti motivi, a partire dal fatto che in quella stessa filiale della Manpower lavora gente normale come te. E anche perché – diciamocelo – ci sono mille altri modi di lanciare un messaggio. Insomma, fattelo dire: se il tuo obiettivo era diffondere l’idea che Manpower è brutta e cattiva hai ottenuto l’effetto opposto. Ma se per te rappresenta un simbolo di oppressione ed è il tuo modo ribellarti, passi.

Però ti sei accanito anche su una serie di palazzi storici, che è pur vero che contengono banche, ma la cui condizione estetica è un patrimonio di tutti: dei noexpo, dei proexpo, dei neutralexpo, dei bambini, degli adulti, degli anziani, degli studenti di sinistra e di quelli di destra. E te la sei presa anche con un negozio di oreficeria, che è pur vero che è nel centro di Milano e quindi non sarà esattamente di proprietà di un poveraccio, ma è pur sempre un negoziante, uno che svolge il suo lavoro e che paga le tasse (so cosa dicono le dichiarazioni dei redditi di orefici e gioiellieri a livello generale, ma sei tu che devi provare il contrario). Ho visto che hai scritto anche sui marciapiede che, ti ricordo, paghiamo tutti con le nostre tasse: sono (l’espressione non è mia) “un bene comune”.

Ecco, lo so che qualsiasi attivista – a partire da te – mi direbbe che sono un cretino, che non capisco, che questa è una lotta globale, che questi sono dettagli. Quindi sospendo il giudizio, in attesa di spiegazioni. Ti chiedo: perché?

Condividi questo post

Partecipa alla discussione

Rispondi a mke777 Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ultimi commenti

  • mke777 30 aprile 2015 / ore 13:51

    Gli edifici che ospitano le filiali bancarie nella stragrande maggioranza dei casi non sono di proprieta’ delle banche.
    Sara’ poi il condominio o la sua copertura assicurativa a pagare i danni alla facciata.

    1. Simone Spetia 30 aprile 2015 / ore 13:53

      Ok. E i marciapiedi e l’orologiaio?