Radio24 | Il Sole 24 ORE

Non è vero che in un appalto su tre c’è corruzione

Ovvia premessa, altrimenti ci ritroviamo con i consueti strali di chi dice che “si vuole minimizzare il problema”: la corruzione va combattuta.

Detto ciò, vedo qualche titolo improvvido in giro (“Rapporto GDF, un appalto su tre è irregolare”) quindi val la pena chiarire:

1) Effettivamente si tratta di un terzo, ma della cifra complessiva: basta un grande appalto irregolare, anche solo parzialmente, a far salire la percentuale. Si tratta, aggiungo, degli appalti controllati e monitorati, ossia quelli sui quali le Fiamme Gialle ritengono di dover fare un controllo. Ossia quelli dai quali, presumibilmente, sentono già provenire puzza di bruciato.

2) La cifra è grande, ma i numeri sono piccoli, come si evince dalla tabella della stessa GDF. Gli interventi eseguiti sono 210. Avete idea di quanti appalti vengano indetti nelle migliaia di centri di spesa italiani ogni settimana?  APPALTI

 

3) Non è dato sapere che tipo di irregolarità presentino questi appalti, la qualità criminale di arrestati e denunciati, la loro collocazione all’interno dell’amministrazione e decine di altri elementi.

Quindi non è vero che un appalto su tre è irregolare.

 

 

Condividi questo post

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.