Radio24 | Il Sole 24 ORE

Il tassista e la consigliera lombarda

Episodio non male raccontato ieri da un tassista a Milano

Carica una consigliera della Regione Lombardia (precedente legislatura) che lo tiene in ballo quasi un’ora: shopping, chiacchiere con gli amici, giri di vario genere assolutamente scollegati dal suo ruolo. Fanno 54 euro. Lei chiede la ricevuta e lui, in una sorta di piccolo moto di ribellione, le dice che le ha finite. Lei addolorata: “E ora come faccio a farmela rimborsare?”. Applausi al tassista.

Condividi questo post

Partecipa alla discussione

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ultimi commenti

  • Alessandro Veneziani 26 aprile 2014 / ore 22:53

    Mi spiace, ma il tassista, come la consigliera, non merita nessun applauso. La ricevuta è un atto fiscale dovuto o sbaglio? Lei si fa rimborsare il non dovuto, lui evade le tasse sui 54 euro. Ma di cosa stiamo parlando? Non capisco proprio. Lei si è fatta portare in giro, fino a quando lei non ha detto “come faccio a farmelo rimborsare?” il tassista non ha nessun diritto di sindacare sul come e perché questa se ne va in giro. O fare shopping è reato? Deprecabili e detestabili entrambi. Altro che applausi al tassista.