Radio24 | Il Sole 24 ORE

Schiavitù

La Toscana è la terza regione italiana, dopo Veneto e Lombardia, per numero di impianti bloccati da comitati ed enti locali: secondo il rapporto del Nimby Forum sono 38. A termovalorizzatori, inceneritori, centrali elettriche si aggiungono tutti i casi non censiti e arrivati sporadicamente in cronaca, come quello dell’Ikea di Pisa o dell’Esselunga di Firenze. Vicende nelle quali alla sindrome Nimby (Not in my Backyard), si aggiunge la Nimto (Not in my term of office).

Nel frattempo, nella stessa regione, sorgeva in questi anni un’intera area industriale semiclandestina, nella quale viene sostanzialmente praticata una forma di schiavitù, nella quale si dorme in fabbrica (spesso con i bambini), si fuma accanto a tessuti sintetici, non ci si allaccia alla rete del gas per restare nascosti al fisco, si lavora in nero e senza tutele, in una situazione che il direttore locale dell’Inail definisce come di sostanziale extraterritorialità.

E la famosa “società civile”, che si organizza in comitati e lotta per quelli che definisce diritti dove è finita? Dove sono finiti quei dirigenti della pubblica amministrazione locale che tengono nel cassetto per anni le pratiche delle aziende che lavorano in chiaro e chiedono solamente di ampliare il capannone, senza riuscirci? Dove sono finiti quegli assessori pronti a ricorrere al Tar per bloccare un supermercato? Ah, già, i Cinesi non votano, la loro fabbrica non è vicino al giardinetto fiorito e, chissà, magari hanno qualche soldo da parte.

Condividi questo post

Partecipa alla discussione

Rispondi a Diretur Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ultimi commenti

  • Diretur 3 dicembre 2013 / ore 11:55

    Simone, l’Italia fa sempre più schifo.. intere vallate e campagne sono inguardabili e non c’è programmazione.
    Bisogna imporre e/o rendere conveniente la riconversione delle aree dismesse e procedere a consumo di suolo zero. Al massimo per qualche strada fondamentale o ferrovia: ma SENZA lottizzazioni annesse. Soffochiamo.
    Ikea e Esselunga? Benissimo. Prendano ex fabbriche ex altre cose e lì costruiscano. Basta usare terreni agricoli o incolti.
    Basta. Basta. Basta.
    E vedi che ci sarebbe molto meno Nimby.