Radio24 | Il Sole 24 ORE

I Parlamentari inglesi e i siti porno (e il Foia)

I Parlamentari UK e gli uomini dei loro staff hanno tentato di accedere a siti porno da PC di Westminster 300mila volte nell’ultimo anno. Ogni giorno sono stati bloccati, mediamente, 850 tentativi di accedere a pagine hard. La cosa, spiegano i giornali inglesi, potrebbe creare qualche fastidio a Cameron, che ha recentemente chiesto ai provider di fare di più per impedire ai minori di accedere a contenuti inappropriati.

L’elemento che qua interessa è il fatto stesso che questi dati siano stati resi pubblici e lo siano stati grazie ad una richiesta pervenuta in forza del Foia (Freedom of information act) del quale l’Italia, naturalmente, ancora non si è dotata.

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.