Radio24 | Il Sole 24 ORE

Partecipa alla discussione

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ultimi commenti

  • Reshep 15 luglio 2013 / ore 18:40

    Vomito. Gentaglia buona solo ad odiare da dietro una tastiera.

  • 7mo 15 luglio 2013 / ore 16:33

    e io e la grammatica siamo evidentemente, nemici 🙂

  • 7mo 15 luglio 2013 / ore 16:32

    Tutti i commenti che siano contro Kyenge o contro Calderoli, quelli pieni di offese, aggettivi, nomignoli, metafore volgari, sono frutto di una bassa, bassissima capacità di argomentare un idea.

    Non credo che sia frutto di una mancata scolarizzazione, perché le frasi hanno un senso compiuto.
    Semplicemente sono stati scritti da persone che sapendo di non essere punite, esprimono vigliaccamente e senza argomentazioni sulle capacità o meno dei due politici, offese gratuite… perchè in tanti e dietro un monitor si è tutti più forti.
    Offese, minacce di morte, maledizioni contro persone per l’aspetto fisico, e magari fatte da altre persone esteticamente deprecabili, non rendono più forte un argometazione. Oltre al fatto che ricoda la situazione della vacca che chiama cornuto un asino.
    Il mondo ci guarda come una delle CIVILTA’ che ha esportato, la bellezza, l’amore, la santità, l’arte… e grazie alla tv stiamo diventando gretti e spaventati dal vicino di casa.

  • silvia 15 luglio 2013 / ore 15:58

    dirò qualcosa che può sembrare provocatorio. I commenti al post sono vergognosi, le parole usate fanno rabbrividire e i concetti espressi sono al limite del reato.
    Su questo non si discute.
    Ma io mi sono soffermata a leggere anche i commenti che compaiono quando foto così vengono pubblicate sulle bacheche di quotidiani o personalità carismatiche del pensiero o della cultura, anche tollerante, anche antirazzista.
    “a questi dovrebbero mandarli nei campo di rieducazione”, “a ignoranti così andrebbe data la pena di morte” e cose del genere. Mi sono abituata a leggere commenti vergognosi da tutte le parti. Per questo io non condivido queste notizie. Leggo libri e giornali, ascolto la radio, mi faccio un’opinione, voto quando sono chiamata a votare, sto attenta a quello che compro. Mi indigno in privato, e cerco di essere coerente e di insegnare la differenza tra un comportamento libero e un comportamento maleducato alle mie figlie

  • natalia 15 luglio 2013 / ore 15:41

    “postato da Simone il 15.07.2013, nella categoria Senza categoria”

    Senza categoria. davvero, speriamo di non doverla creare mai la categoria “disgusto”.

    Povera Italia, cerco solo di non cadere nella trappola della violenza e cercare così di non volere la scomparsa (morte?) di queste persone che incarnano gli istinti peggiori dell’umanità. non voglio violenza che crei violenza.

  • sauro trombini 15 luglio 2013 / ore 14:23

    io sto pensando che gli orango quando vanno in calore nn usano la vaselina …… attento mister calderoli che col culo rotto in lega nn si fa carriera

  • Salvatore 15 luglio 2013 / ore 12:58

    Che post disgustosi,il primo addirittura con un numero di like assurdo per quanto è odioso,da vero/a bastardo/a matricolato/a. E poi,a seguire, una selva di gente che imbarca imbarca imbarca merda, non riesce a trasformarla in null’altro che sedersi davanti ad un pc e vomitarla così.

  • Bernardo 15 luglio 2013 / ore 12:36

    …poi vanno tutti a messa a fare la comunione, è questo il bello!

  • federica 15 luglio 2013 / ore 12:25

    Vivo in Africa (tra l’altro, non troppo distante dalla terra natìa della Kyenge, la Repubblica Democratica del Congo) e spesso mi trovo a parlare con amici che, per borse di studio o lavoro, sono diretti in Italia. Mi chiedono come sia, mi dicono che gli italiani sono brave persone. Ogni volta rispondo “L’Italia? Un paese meraviglioso, se non ne capisci la lingua”. Mi ferisce rendermi conto di quanta verità ci sia in parole che, a volte, ho reputato io stessa un’esagerazione.
    Io mi vergogno di essere italiana. Non l’ho mai detto prima, pensando al fatto che i razzisti sono ovunque, che ovunque si trovano belle e brutte persone. Letto (anche) questo, però, non riesco a provare sentimenti che non siano rabbia, frustrazione, (gran voglia di far liste e togliere a queste persone il diritto di voto), e un profondo senso di pura vergogna.

  • Simona 15 luglio 2013 / ore 12:22

    Questi messaggi sulla bacheca di questo assessore sono vomitevoli. Queste non sono persone e neanche animali sono esseri non identificabili…..ma come si può essere così razzisti e incivili? Siamo TUTTI uguali, tutti sotto lo stesso cielo!!!! Io sono veramente perplessa e sconcertata. L’Italia non e’ questa e gli Italiani non sono questi, ma certi soggetti non meriterebbero neppure il diritto alla parola!

  • Mario Robusti (@mariorobusti) 15 luglio 2013 / ore 11:57

    A Rimini c’è una mostra sulla comunicazione fotografica del fascismo negli anni 20 e 30. Utile per capire come siamo un popolo facilmente conquistabile dagli slogan di questo tipo. Sarà colpa della lingua oppure c’è qualcosa di atavico nella nostra divisione in campanili? Attenzione a sottovalutare questi fenomeni, sono molto più estesi di quanto si creda e si estendono con più rapidità quando c’è crisi.

  • vittoria mereu 15 luglio 2013 / ore 11:43

    simone, mi si rivolta lo stomaco, mi sembra insensato, anacronistico, stupido…. ma in quanti sono?! Ognuno di loro ogni giorno si confronta con amici, familiari, colleghi, conducono una vita normale, compleanni, ricorrenze, battesimi, matrimoni… Ho paura, paura di come quest’odio ci sta cambiando, si sta insinuando nella quotidianità. Sono demoralizzata e disgustata. Non è la solidarietà,l’educazione, l’istruzione, il denaro a mancare, è il rispetto per la vita. Qualunque portafoglio si possieda.
    scusa per lo sfogo
    vittoria

  • Paolo 15 luglio 2013 / ore 11:24

    anni e anni a parlar male di neri, zingari e rom e si sono ritrovati la mafia in casa. Proprio dei cervelloni questi leghisti.

  • sassicaia molotov 15 luglio 2013 / ore 11:07

    A me sembra una gabbietta dalla quale squittiscono dei topi di fogna. Ma visto il percorso storico che sta attraversando questa fase migratoria sono molto contento che questa gente se la viva malissimo. Non manca molto alla loro sparizione.

  • naevus 15 luglio 2013 / ore 10:57

    ah, il paese reale….