Radio24 | Il Sole 24 ORE

Ai padri, alle madri

Le donne, le madri

Le donne hanno meno lavoro. Le donne occupano meno posti “di potere”.Le donne sono meno in politica, nei CDA, ai vertici delle aziende. Le donne le si preferisce al parco a spingere un passeggino o a casa a cucinare la cena.

Le pubblicità dei detersivi, degli aspirapolvere, dei deodoranti per la casa, dei sofficini, delle zuppe, persino dei sughi pronti (che per definizione sono un cibo da maschio vecchio stile, che sa farsi solo una pasta), vedono la donna armeggiare con fornelli, diffusori, spruzzatori, stracci. E’ lei, la casalinga, che deve scegliere il fustino di detersivo, che stende le lenzuola linde in un prato verde, che serve la colazione ai suoi bambini nell’immacolato mulino bagnato dal sole, educata fin da piccola a colpi di bambolotti da cullare, cucinette rosa con tanto di finte padelle, finti barattoli, finte pentole e – ovviamente – finti biberon per finti bambini. Oppure bambole, che in fondo vogliono dire “prenditi cura del tuo corpo, dei tuo vestiti, se proprio non vuoi farlo con i bambini”. Ed è danza classica, ginnastica artistica, pallavolo quando va bene.

Noi

Noi, dall’altra parte, armeggiavamo con soldatini, finte pistole e fionde sessant’anni fa, oggi spariamo con una Playstation. Si giocava e si gioca a calcio. Sport maschio per eccellenza, dotato anche di un “homo homini lupus” implicito: arrivare in serie C vuol dire già avere uno stipendio decente. Competitivi in maniera brutale, sappiamo giocare bene – sporco e pulito insieme – solo con chi conosce queste regole: i nostri simili, gli altri lupi, e se c’è una lupa, deve adattarsi o verrà sopraffatta. Comunque preferiamo giocare con gli altri maschi.

In pubblico ammiriamo la Svezia, dove quel signore che fa il capo della segreteria del Primo ministro si prende sei mesi di congedo per stare con i figli. Ma la ammiriamo da lontano, con la sensazione che l’Italia non sia in grado, che i modelli culturali e sociali siano troppo distanti, che “ci vuole una legge”. Ma parlarne fa di noi delle persone evolute, che guardano al futuro, moderne nel più pieno e profondo senso della parola, dei padri degli anni 2000, mica quelli che si chiudevano nel loro studio, che incutevano timore. Così ci sentiamo assolti: non chiedermi qualcosa in più rispetto al predicozzo sull’arretratezza del Paese, a un cambio di pannolino, al cucinare una cena, al fare una lavatrice, perché tanto l’Italia “non è pronta”, è una questione di sistema. Già, la questione “di sistema”. Rassicurante come la coperta di Linus.

La pagnotta

Però è anche vero che l’Italia non è pronta. Quando mi sono preso due settimane di congedo parentale – ero arrivato in azienda da poco – l’ho fatto raccontando in giro che era perchè non avevo ferie (era vero, tra l’altro): temevo lo scherno da una parte, lo sguardo torvo dell’amministratore delegato o del direttore dall’altra. Pochi imprenditori o manager italiani sono disposti ad accettare che un dipendente maschio vada in “paternità” senza attribuirgli almeno un quartino di follia. Qualcuno ha raccontato come sono stati accolti i suoi mesi di paternità meglio di me e un giorno troverò il link e ve lo metterò.

Così ci ritroviamo nell’orrendo circolo vizioso di dover essere dei bread winner (traduco molto liberamente: “quello che porta a casa la pagnotta”), di doverlo rimanere e di dover ricoprire quel ruolo anche quando non ne abbiamo voglia. Certo, quelli tra di noi che un lavoro ancora ce l’hanno la vivono abbastanza serenamente, sicuramente meglio delle donne espulse dal mercato per aver risposto, insieme a noi, al naturalissimo istinto di perpetuare la specie e di volersi prendere cura dei cuccioli. Però è una condizione di prigionia o – per essere meno tranchant – di costrizione: in un ruolo, in un luogo, in uno schema comportamentale.

Il tempo che conta, eccome

Ecco, la cosa più pesante (anche intellettualmente umiliante, se volete)  è il dover dosare le energie che potremmo liberare come padri, come mariti per accumularle e sfruttarle solo sul lavoro. Questo rientrare stremati a casa e raccontarci la bella favoletta che “non conta la quantità di tempo che trascorri con loro, ma la qualità”, che è un po’ come quella cosa delle dimensioni a letto. Ce la raccontiamo e ce la raccontano. la quantità di tempo conta eccome. Perché ti sei perso quella prima parola, quel gorgheggio, quei passi, quella lezione di calcio o di rugby, quei compiti fatti insieme, quel momento di pace sul divano, quella casetta di Lego, quel racconto sulla giornata a scuola.

Cosa potrebbero essere loro se i gli stessi più accanto, se portassi il mio carico di esperienze di vita diverse da quelle di mia moglie (sempre sia lodata, comunque), se portassi me stesso, per il solo fatto di essere un maschio e quindi diverso da lei? E quante cose in più potrei raccontargli, spiegargli? Quante ne potrei imparare?

Energia

Queste energie, in qualche modo, vanno tirate fuori. E mi perdoneranno le donne in lettura se la affronto egoisticamente, la questione (sono un maschio, non posso farne a meno). Ma chiedo agli uomini se l’abbiano mai presa da questo punto di vista, se abbiano mai riflettuto sul fatto che la peculiare disparità di genere italiana è un danno mortale per noi. Ci fa perdere profondità, qualità, valore, ci appiattisce, ci danneggia, ci rende, alla fin fine, uomini peggiori.

I cambiamenti culturali richiedono tempo, generazioni a volte, quindi iniziate subito. Se state vedendo la televisione insieme a loro, fategli notare quando una donna viene rappresentata come casalinga, che tanto capiscono presto. Non vi preoccupate se vostro figlio gioca con le bambole, non vuol dire che è gay (per alcuni è un problema). Spiegate a vostra figlia che il mondo non è tutto rosa, non è tutto fatto di cucinette e di bebè da cullare e se prende a mazzate qualcuno giocando con la Playstation o tira due calci al pallone non è un problema. Fatevi vedere, uomini, mentre cucinate, cambiate pannolini, fate lavatrici, spazzate per terra, passate l’aspirapolvere. Se siete dei pubblicitari o responsabili di aziende del settore “igiene della casa” avete già capito cosa vi chiedo.

Liberi tutti

Dobbiamo fare di meglio, però: far uscire la nostra moglie o la nostra compagna la sera con amiche o amici e restate noi a gestire i bambini, senza romperle i coglioni ogni quarto d’ora al telefono; dobbiamo spingerla a cercare un lavoro, anche part-time, anche precario, che ci costringa a rosicchiare mezz’ore al nostro – di lavoro – per darle la possibilità di farlo; metteterci in gioco; immaginarci diversi. Ecco, questo è importante: pensarci in quel ruolo, calarci in una loro giornata tipo e agire di conseguenza.

Liberare le donne, per liberare gli uomini.

Condividi questo post

Partecipa alla discussione

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ultimi commenti

  • Marco Perasso 17 novembre 2012 / ore 13:59

    Bellissimo articolo, che condivido appieno. Vorrei lasciare il mio contributo, raccontando la mia esperienza. Quando nove anni fa è nato il mio primo figlio, dopo i primi cinque mesi in cui mia moglie è rimasta a casa, ho preso sei mesi di congedo parentale, e mia moglie è rientrata a lavoro. Premetto che abito in un paese di campagna, con la mentalità che mediamente ne consegue. Sul posto di lavoro mi è stato fatto osservare (in buon modo, non l’ho interpretata come minaccia) che questo mal si conciliava con aspettative di carriera. Ho risposto che per il momento bi stava bene così. In paese sono stato ovviamente preso come scansafatiche (‘ma fa tutto da solo? No, vedrai che sua moglie gli lascia qualcosa pronto’). Invece lavavo, cucinavo, stiravo, ho preso parte in prima persona alle fasi dello svezzamento, è stato un periodo bellissimo. Poi è finito. Ho chiesto un giorno di part time verticale, ma non mi è stato concesso, però il datore di lavoro è stato più che collaborativo: mi ha detto che potevo stare quel giorno a casa col portatile e lavorare in remoto, quel che facevo facevo, compatibilmente con la cura del bimbo. Tanto di cappello, pochi me l’avrebbero concesso, questo va detto. E così è passato un inverno fatto di incastri fra nonni, moglie (che aveva ottenuto il part time) e sottoscritto.
    Poi è arrivata la seconda figlia, a distanza di venti mesi. Ho nuovamente preso il congedo, stavolta in concomitanza con mia moglie perché il primo era ancora piccolo e non era autonomo. Asilo nido ovviamente neanche a parlarne, era partito un progetto di micronido di una ragazza in paese a cui tutti hanno messo i bastoni fra le ruote e non se ne è fatto nulla per mancato permesso della ASL (era al primo piano, troppo pericoloso!). Finito il periodo di congedi di entrambi, mia moglie prende la decisione coraggiosa: lascia il lavoro. E io rientro a pieno regime. Sono seguiti periodi in cui ho chiesto il telelavoro, inutilmente. Al rientro in ufficio non sono stato per nulla penalizzato, anzi ho avuto comunque le mie opportunità di carriera, su questo devo spezzare una lancia. Poi i bambini sono cresciuti, adesso hanno nove e sette anni, mia moglie non lavora e li segue (anche se per un periodo a ripreso a part time), io faccio il lavoratore ordinario.
    Però ho un senso di insoddisfazione latente, mi rendo conto che dei due, quella che svolge l’attività a valore aggiunto è mia moglie, non io; se un giorno avrò in casa un uomo e una donna, sarà soprattutto grazie a lei. E di questo le sono grato, perché sta facendo un ottimo lavoro, ma sono anche un po’ invidioso (in senso buono)… La sua vita sì che ha un senso… Ho nuovamente chiesto part time, sperando in uno scenario in cui entrambi lavoriamo ma a regime ridotto, così entrambi possiamo seguire la famiglia, ma ciccia, non si può fare…
    E comunque, visto con retrospezione, il mio è uno dei casi fortunati…
    Scusate, più che un commento era un post, ma ci tenevo…

  • Paolo1984 14 novembre 2012 / ore 17:28

    Le casalinghe esistono come esistono ballerine, ginnaste artistiche e pallavoliste, non è che se vengono rappresentate bisogna sempre gridare al sessismo (e inoltre sempre distinguere una pubblicità che serve a vendere da una fiction o un film che racconta una storia con personaggi coerenti e credibili col tipo di storia narrata). Se un bambino gioca con le bambole non per questo diventerà gay e se gioca coi soldatini non per questo diventerà un violento guerrafondaio, e se una bambina gioca con la cucinina non per questo diventerà una schiava..facciamo giocare i nostri bambini con la più grande varietà di giocattoli ma fidiamoci anche delle loro preferenze. Quanto alla carriera lavorativa è certamente importante dedcarvi energie, ma se si hanno figli sarebbe auspicabile non farne un Idolo..e vale per papà e per mamma
    E poi anch’io non gradisco molto questo paternalismo che però si ammanta di melassa politicamente corretta (uomini, liberate le donne!, fatela uscire! Spingetela a trovarsi un lavoro a tutti costi pure se non vuole!)…scusate, io sono a favore di misure a sostegno dell’occupazione femminile , e di misure che aiutino entrambi i genitori lavoratori ad occuparsi dei pupi, l’ideale sarebbe un congedo di tipo scandinavo molto lungo che ogni coppia gestisce come crede secondo le esigenze sue e del pupo ma non ho bisogno di “spingere” qualcuno a fare qualcosa che magari non vuole fare, credo che ognuno, con l’aiuto degli altri ovviamente dovrebbe prima capire e poi “diventare ciò che è” (per dirla con Nietzsche) e che nessun modo di essere, inclusi quelli più diffusi e “tradizionali” sia a priori meno “autentico” o “libero” di un altro,..però ecco così come sono state le donne a lottare e manifestare e a fare pressioni sulla politica per ottenere determinati diritti (dal voto, al congedo per maternità fino alla legge 184 e al nuovo diritto d famiglia del 75) senza certo aspettare che la politica maschile gliele concedesse spontaneamente oggi dovrebbero essere gli uomini e i padri lavoratori in particolare a manifestare pubblicamente per chiedere un orario di lavoro e un sistema di congedi parentali che consenta anche a loro di dedicarsi ai figli assieme alla compagna, se è questo ciò che vogliono ed è un grosso “se” perchè ho l’impressione che molti padri italici si ricordino di esserlo (se se lo ricordano) solo dopo la separazione. Se simone spetia invece di scrivere post sui blog per spiegare agli uomini e alle donne quello che è giusto e quello che è sbagliato, si attivassero che so per raccogliere firme per una legge di iniziativa popolare che istituisca congedi di paternità più lunghi e obbligatori in aggiunta a quelli di maternità sarebbe meglio

    1. Simone Spetia 14 novembre 2012 / ore 19:47

      Paolo, non voleva essere paternalismo, te lo assicuro. Ho poco da insegnare, ci sono padri e mariti molto migliori di me. Volevo incitare alla riflessione.

      Dal lato giocattoli siamo perfettamente d’accordo. Facciamoli giocare con tutto. Ma evitiamo anche che si facciano differenze di genere già a 4 anni.

    2. Simone Spetia 14 novembre 2012 / ore 19:48

      Aggiungo: non sono favorevole al congedo obbligatorio, sono favorevole all’incentivazione, in qualche forma, alle aziende che a concedono. Sto ragionando su qualcosa.