Radio24 | Il Sole 24 ORE

Un’idea di democrazia in rete un po’ più evoluta

In #Votantonio della settimana prossima parleremo, tra l’altro, di LiquidFeedback. Per spiegarla semplicemente è una sorta di social network dove – una volta certificata la propria identità – si possono fare proposte, discuterle e farle votare. E’ in corso un esperimento nella regione tedesca del Friesland, dove i cittadini della zona, invece che raccogliere firme a mano per le loro petizioni, potranno farlo in rete e – nel caso raggiungano il numero necessario di voti – farle discutere nel parlamento locale. Ora, immaginate l’effetto che ha una cosa di questo genere nella vita di un partito: i Pirati tedeschi stanno iniziando ad usare il sistema per generare proposte da discutere poi nel congresso. Insomma, per rendere tutto più efficiente. Sono rimasto molto colpito, nell’intervistare un loro rappresentante (l’intervista completa andrà in onda sabato nella trasmissione) da una frase che marca la differenza tra alcune idee che circolano nel Movimento 5 Stelle, e qualcuno che ha un’idea di democrazia più evoluto

La cosa importante è che le proposte che ne emergono non siano vincolanti per i politici. In Germania gli eletti non hanno vincolo di mandato e quando sono in parlamento sono liberi di decidere cosa è giusto e cosa non lo è. La legge è questa e non vogliamo cambiarla, perché i politici hanno le loro idee, la loro morale e naturalmente si devono basare su questo. […] Ai nostri eletti chiediamo di guardare nel sistema e se prendono decisioni che sono contrarie a quello che si è deciso con questo sistema, di spiegare accuratamente perché l’hanno fatto

Condividi questo post

Partecipa alla discussione

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ultimi commenti

  • carlo von lynX 29 settembre 2012 / ore 09:31

    Senza dubbio abbiamo un’idea di democrazia e rete molto più solidà e matura di alcune realtà italiane.. ma stai parlando a uno che ha partecipato alla campagna alla conquista di Berlino e ora sta preparando quella d’Italia – una delle prime cose che ho fatto è stato di aiutare il Partito Pirata italiano a riformarsi e a imparare da errori commessi da noi Piraten in Germania.. perciò qui in Italia siamo preparati ancora meglio.. ci vuole solo la gente.. ma si stanno iscrivendo a dozzine al giorno perciò la nave va… 😉

    1. Simone Spetia 29 settembre 2012 / ore 22:43

      Cavoli, in bocca al lupo. E scusa se ho dubitato… 🙂

  • carlo von lynX 27 settembre 2012 / ore 06:29

    Ciao Simone, credo che tu abbia colto un’opinione personale in questo caso. Non mi risulta un posizionamento finale dei pirati tedeschi a questo riguardo e secondo me si renderanno conto che dovranno prima o poi discutere il vincolo di mandato.

    Il partito pirata italiano intanto ha le idee molto diverse in questa faccenda, perciò non è questo che ci rende diversi dal M5S. Anche il M5S deve trovare un modo legale di eseguire un controllo al mandato senza che sia un vincolo.

    1. Simone Spetia 28 settembre 2012 / ore 13:14

      Può darsi che sia un’opinione personale, detto ciò (e sentirai l’intervista completa in #Votantonio) hanno un’idea di democrazia e rete molto più solidà e matura di alcune realtà italiane. Segnatamente il movimento 5 stelle.