Radio24 | Il Sole 24 ORE

Giovani disoccupati, i conti non tornano del tutto

Le cifre sulla disoccupazione giovanile sono drammatiche, è vero, ma sarei felice di avere un chiarimento sul metodo di calcolo. Forse non a tutti è noto, ma l’estensione dell’obbligo scolastico avvenuta nel 2007, ha innalzato l’età di ingresso nel mondo del lavoro: prima dei 16 anni non si può.

Ma l’Istat, forse per rendere i numeri omogenei a quelli europei, prende in esame i disoccupati tra i 15 e i 24 anni. Immagino che la discrepanza non sia enorme, ma è qualcosa di cui tenere conto.

Condividi questo post

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.