Radio24 | Il Sole 24 ORE

Se ho capito bene lo Stato debitore

Il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, ha fatto sapere oggi che i crediti che le imprese vantano verso le varie amministrazioni pubbliche ammonta a circa 100 miliardi di euro. Chissà cosa ne pensa l’ex ministro Giulio Tremonti, secondo il quale la cifra era circa un terzo di quella indicata oggi.

I tempi di pagamento dello Stato – quasi non serve dirlo – sono uno dei veri scandali di questo Paese e ogni volta che si trova un’azienda che evade le tasse, prima di metterne titolari e amministratori alla gogna, andrebbe verificato quanto gli deve l’amministrazione. Detto ciò, l’ipotesi di pagare in Bot o Btp mi pare che inneschi il seguente meccanismo: in cambio del debito che ha verso le aziende, le quali, in parte, lo avranno “girato” alle banche per avere liquidità, lo Stato dà alle aziende altri titoli di debito. Chissà se funzionerà davvero.

Condividi questo post

Partecipa alla discussione

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ultimi commenti

  • Luigi Rosa 14 marzo 2012 / ore 17:17

    Forse dico una fesseria, ma se lo stato pagasse in BOT e le banche accettassero quei BOT come garanzia o come copertura dei debiti (li trattassero come liquidita’, per capirci), di fatto lo Stato stamperebbe moneta.

    Se cosi’ facesse prima o poi i Tedeschi se ne accorgerebbero e apriti cielo!

    1. Simone Spetia 14 marzo 2012 / ore 17:39

      Ahahah. Panico a Berlino.