Radio24 | Il Sole 24 ORE
Ora in diretta

Condotto da

Piccola storia di una bufala mediatico giudizaria

Sinceramente non ricordo come l’abbiamo trattata noi a Radio24. Forse abbiamo fatto un servizio, forse l’abbiamo raccontata in breve. E’ una delle decine di storie che raccontano di presunti maltrattamenti in classe, di quelle che a noi genitori fanno gelare il sangue, di quelle che ci fanno voltare dall’altra parte quando si trasmettono le immagini riprese dai carabinieri con le telecamere nascoste.

Inizia tutto il 10 febbraio del 2012, circa tre anni fa. E’ la data nella quale il padre di una bambina che frequenta una scuola materna di Olbia, “Il Girasole”, colloca i presunti abusi avvenuti su sua figlia. Scatta l’indagine della procura e il 26 luglio del 2013 tutto diventa pubblico: asilo chiuso per due giorni, educatrici indagate per abuso degli strumenti di correzione dalla procura di Tempio Pausania.

Solita storia: 60 bambini ospitati, le famiglie che si fidano, le maestre che non sanno gestire adeguatamente i piccoli e ricorrono alla violenza e all’intimidazione. E poi c’è quel frammento di video, quello nel quale Tonina Sanna, responsabile del Girasole, si avvicina improvvisamente ad un bambino su un passeggino; gli dà due schiaffetti aalle gambe, sembra chiamare qualcuno (non c’è audio) e poi lo colpisce alla schiena. Le cose che ci fanno gelare il sangue, appunto.

Veniamo a oggi. Il padre che ha denunciato le violenze andrà a processo per calunnia, diffamazione e violazione del segreto istruttorio, visto che a diffondere il video è stato lui. In sostanza si era inventato tutto e in quel 10 febbraio sua figlia nemmeno era a scuola. E il video?

La verità su quel video era emersa già a sei mesi dall’avvio delle indagini, nel 2014. “Mio figlio in quel periodo aveva la mania di mettersi in bocca di tutto – racconta la madre qua  – […] io già allora le ringraziai per essere intervenute rapidamente, cosa che ho ripetuto quando ho visto il filmato”.

Tutto finito bene, dunque, eccetto per la gogna mediatica e giudiziaria che “Il Girasole” ha dovuto subire nel primo periodo dell’indagine, quando tutti davamo per scontata la condanna come se bastassero quei frammenti di immagini a dimostrare la colpevolezza di quella scuola materna.

E voi chi avete sentito al telefono nell’ultima settimana? Quante frasi ambigue avete detto ai vostri interlocutori che, estrapolate dal contesto, possano indicare la vostra colpevolezza? Quanti vostri piccoli gesti quotidiani possono apparire, per esempio, come un’impropria dazione di denaro o un atto violento? E quanti giornalisti sarebbero disposti a credervi, nel momento nel quale si trovassero di fronte alla prova audio o video della vostra “colpevolezza”? Il caso Tortora (e il caso dell'”asilo degli orrori” di Rignano Flaminio, per rimanere in tema) sembrano non aver insegnato molto né alla stampa, né a quella parte del Paese che vede nelle manette la liberazione dai mali dell’Italia.

 

Condividi questo post

Partecipa alla discussione

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ultimi commenti

  • Domenico 7 giugno 2016 / ore 05:57

    Calma, calma… non affollatevi a commentare…