Radio24 | Il Sole 24 ORE
Ora in diretta

Condotto da

Non è l’olio tunisino in sé, ma l’olio tunisino dentro di te

Apprendo finalmente che la protesta contro l’olio tunisino NON verte sul tema dell’olio tunisino in sé e quindi sull’eliminazione dei dazi all’importazione per queste 35mila tonnellate l’anno, le quali, va detto, nella distribuzione tra i vari Paesi europei, rappresenteranno l’1% dell’import totale italiano.
La protesta verte, come dichiarato da Coldiretti e altri attori della vicenda, sul rischio contraffazioni e sofisticazioni per la quantità di olio a basso costo e vergine ( non extravergine) che arriverà sui nostri mercati. In sostanza si teme che venga spacciato olio misto come olio italiano o vergine come extravergine.
Dunque i dazi e la provenienza dell’olio non hanno nulla a che fare con la protesta. La protesta di alcuni produttori è contro altri produttori che potrebbero fare i furbi. Se questo avverrà, non mi sembra che le colpe possano ricadere su altri che non siano questi stessi produttori.

Condividi questo post

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.